Calendario Articoli

ottobre: 2016
D L M M G V S
« set   dic »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Immagini

p1120135_0 P1050890 P1050889 P1050888

Slideshow

Ravenna Capitale … chimica.

Ecco l’immensità del Polo Chimico della nostra città, che si snoda per chilometri a fianco e lungo il canale Candiano.

La selva di impianti e ciminiere e il susseguirsi di aziende di lavorazione, trasformazione, produzione e commercializzazione di prodotti chimici, sono il connotato di quest’area di Ravenna a fianco della pineta di S. Vitale e della Piallassa Baiona. Guarda il video, clicca la foto:

Tutte  con emissioni inquinanti (anche se dicono che sono tutte controllate…) che vanno dalle  lavorazioni petrolifere Enichem (ex Anic). Poi:

ItalCementi,  lavorazioni di terre per la produzione di cementi.

Alma Petroli: settore della raffinazione del petrolio pesante, specializzata nella produzione di bitumi di alta gamma per usi stradali ed industriali. Per i bitumi ossidati ed i bitumi confezionati, l’Alma Petroli può essere considerata il leader italiano del settore e tra i primi produttori in Europa.

Yara: per la produzione di fertilizzanti azotati e prodotti chimici come il calcio-ammonionitrato, il nitrato ammonico ed i concimi complessi quali prodotti solidi e l’urea-nitrato ammonio come prodotto liquido.

Bunge: trasformazione semi, oli alimentari industriali, farine uso zootecnico.

Novaol: lavorazione del petrolio per produzione del biodiesel.

Ecc. Ecc.

Si spiega molto bene, dalla visione del panorama dall’alto, il motivo per cui i centri abitati di Porto Corini e Marina di Ra siano invasi tutti i giorni da nauseanti odori e si verifichino incrementi significativi, specie nei bambini, di affezioni polmonari e respiratorie.

E’ il Progresso … bellezza!!!

1 comment to Ravenna Capitale … chimica.

  • _dubbo

    Grazie Giorgio, bellissimo video!
    Oltre alle emissioni inquinanti sul nostro territorio io tengo in considerazione anche l’enorme impatto inquinante che questi prodotti generano nelle aree in cui successivamente vengono impiegati, a partire dalle aziende agricole e dagli allevamenti che utilizzano questi composti chimici per sostenere le produzioni intensive (e massacranti).

Leave a Reply

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>