Calendario Articoli

marzo: 2008
D L M M G V S
« feb   apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Immagini

p1120135_0 P1050890 P1050889 P1050888

Slideshow

Usciamo dal Silenzio…ma tutte!

 

COMUNCIATO STAMPA sul “PROGETTO GEMMA”

 

da Persepolis di Marjane Satrapi

 

 

Apprendiamo dalla stampa che il Consiglio Comunale ha approvato l’ordine del giorno, presentato il 17 marzo dal gruppo consiliare Lista per Ravenna, “Un segnale concreto alla vita nascente e alla maternità . Adesione al progetto Gemma”, progetto del Centro di Aiuto alla Vita (CAV). Ad esclusione di Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani e Gruppo Misto, gli altri gruppi consiliari si sono impegnati a devolvere il loro gettone di presenza al Progetto Gemma attivato sul territorio del Comune di Ravenna. Il progetto, che si propone come un impegno di adozione prenatale a distanza di madri in difficoltà , in realtà  è un metodo di dissuasione dall’interruzione volontaria di gravidanza.

Conosciamo molto bene il vero desiderio di maternità  di tante donne, desiderio frustrato dalla precarietà  del lavoro, dalla facilità  dei licenziamenti, dall’assenza dei servizi, dalla mancanza dei diritti, dall’esiguità  dei redditi, dal carico del lavoro di cura. Quello che potrebbe essere un periodo radioso della vita delle donne diventa una mortificante corsa ad ostacoli che le trasforma in vittime. I nostri e le nostre rappresentanti politici invece di lavarsi la coscienza con l’elargizione di 70 euro in beneficenza (fiscalmente deducibili) al Movimento per la vita, sarebbero tenuti a realizzare un welfare serio ed efficiente e una legislazione del lavoro che garantisca le madri. Solo così si possono creare le condizioni per sostenere il desiderio femminile a una maternità  libera e consapevole e la realizzazione di un pieno diritto di cittadinanza. Non è con la monetizzazione della maternità  che si possono raggiungere questi obiettivi. Pensiamo che sia la società , attraverso le sue istituzioni, e non l’occasionale elemosina dei “buoni” di turno, a dover sostenere i legittimi desideri dei cittadini e delle cittadine: sta anche qui la differenza fra sudditi e cittadini.

La Costituzione Italiana all’articolo 3 prevede che “àˆ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà  e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.

Siamo particolarmente amareggiate per l’assordante silenzio delle consigliere comunali dell’Ulivo che hanno avvallato decisioni prese da Alte Gerarchie.

Questo certo peserà  sulle nostre prossime scelte elettorali.

L’Assemblea Usciamo dal silenzio.

Ravenna 19 marzo 2008

 

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

 

Altre Notizie.

Comunicato Stampa della Sinistra Arcobaleno sul Nucleare

 

200803210120_centrale_nucleare_di_confrentes_spagna.jpg

 

 

Chiediamo un confronto pubblico al Partito Democratico sul nucleare. In
questi giorni alcuni esponenti del Pd emiliano-romagnolo, in sintonia con
quanto sostiene a livello nazionale il partito di Veltroni, hanno
esplicitato la propria disponibilità  al ritorno del nucleare in Italia. E’
una rottura ulteriore con i movimenti pacifisti ed ambientalisti che hanno
saputo nei decenni scorsi condurre proprio sul nucleare una grande e
vincente battaglia di civiltà , ed è un altro punto programmatico del Pd
pienamente compatibile con il programma della destra berlusconiana. E’ un
arretramento, per i riformisti “all’italiana”, rispetto al programma
dell’Unione siglato nel 2006, e si va contro quanto sancito dal referendum
abrogativo del 1987 con cui fu “di fatto” sancito l’abbandono da parte
dell’Italia del ricorso al nucleare come forma di approvvigionamento
energetico. Ed un dietrofront rispetto alla scelta di escludere il nucleare
dal Piano energetico regionale licenziato dall’intera maggioranza di
centrosinistra, Pd incluso.

“La Sinistra l’Arcobaleno”, anche in Emilia-Romagna, ribadisce la propria
posizione senza se e senza ma: no al nucleare. Ci sono problemi storici
irrisolti connessi a questa tecnologia: scorie radioattive ““ come gli
abitanti di Caorso sanno bene ““ sicurezza e proliferazione a scopi militari.
A questo aggiungiamo i costi: una centrale nucleare può arrivare a costare
oltre 6000 miliardi delle vecchie lire. Non è un caso se in tutta Europa
anche i Paesi che nei decenni scorsi hanno investito sul nucleare, hanno
optato recentemente per strade alternative e di fuoriuscita.

Se da parte del Pd c’è stato questo ripensamento, si cominci a dire dove si
potrebbero collocare le centrali nucleari, contro le quali le popolazioni si
sono espresse chiaramente con un referendum.

E’ per questo che “la Sinistra l’Arcobaleno” pone al centro la promozione e
la diffusione delle energie pulite e rinnovabili, come il solare, su cui
bisogna investire con forza e con determinazione puntando anche, come vuole
la delibera regionale approvata di recente, sul risparmio energetico in
edilizia. Ed è per questo che ““ proprio perché ci sia chiarezza ““ ribadiamo
la richiesta di un confronto pubblico sul nucleare e sulle politiche
energetiche al Partito Democratico.

Loredana Dolci ““ segretaria regionale PdCI Emilia-Romagna

Nando Mainardi ““ segretario regionale Prc Emilia-Romagna

Gabriella Meo ““ coordinatrice regionale Verdi Emilia-Romagna

Massimo Mezzetti ““ coordinatore regionale Sd Emilia-Romagna

2 comments to Usciamo dal Silenzio…ma tutte!

  • emanuela casadio

    DONNE!!
    Abbiamo appreso dalla stampa che SABATO 17 MAGGIO ALLE 15,30 PRESSO IL CINEMA CORSO, il Movimento per la vita di Ravenna (www.mpv.org) organizza un convegno dal titolo “Aborto e Legge 194: 30 anni dopo”.
    Benchè possa sembrare un titolo neutro, le considerazioni dalle quali parte l’organizzazione del convegno, sono le seguenti: “in provincia di Ravenna sono stati effettuati più di 10.000 aborti nell’ultimo decennio: nel 2006 un bambino su tre non ha visto la luce nella nostra città â€; e ancora: “L’aborto è veramente un diritto? La legge è veramente una legge di tutela della maternita? E questa legge cosa ha comportato in termini di costume in questi ultimi 30 anni?”. Tra i relatori ci sarà  anche il Dott. Silvio Ghielmi, che illustrerà  l’esperienza del Progetto Gemma (www.progettogemma.it).
    Per noi l’autodeterminazione delle donne è una inconstestabile conquista di libertà  e la legge 194 v difesa da tutte come conquista di civiltà .
    TROVIAMOCI ALLE 15 DAVANTI AL CINEMA CORSO – VIA DI ROMA – PER UN PRESIDIO PACIFICO.
    DOBBIAMO ESSERE TANTE! FAI GIRARE QUESTO MESSAGGIO!

    Laura Bonetti (per info: 3315059157)
    Cristina Bulgarelli
    Raffaella De Mucci
    Rossella Floro Flores
    Stefania Malerbi
    Valentina Morigi
    Tania Pavirani
    Daniela Sangermano
    Rita Vicari

  • Massimo

    ciao Manuela

Leave a Reply

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>