Calendario Articoli

marzo: 2008
D L M M G V S
« feb   apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Immagini

p1120135_0 P1050890 P1050889 P1050888

Slideshow

Nuovo album di foto aeree.. e altro

Il 2 marzo abbiamo fatto un volo. Una rivisitazione sul territorio ravennate per memorizzarne i mutamenti e le attualità . Vai alla Galleria Immagini di Foto Aeree all’album “al volo – 2 marzo 08″ ( il primo in alto a sinistra)

^^^^^^^^^^^^^^^

Altre Notizie

200803070858_nuova_immagine_jpg.jpg


“Basta un’ordinanza firmata da Romano Prodi, e le “ecoballe” si possono
bruciare nell’inceneritore di Acerra. Come in un gioco di prestigio la
spazzatura tal quale impacchettata che non si poteva incenerire perchè
non a norma e dannosa, una delle eredità  più vergognose della Fibe e del
suo intreccio di affari con l’amministrazione campana, diventa
combustibile da rifiuto a norma. Ovviamente il decreto è chiaro, si
possono bruciare solo ad Acerra.
Questo provvedimento è un’ulteriore colpo mortifero assestato alla
martoriata popolazione Acerrana e si aggiunge a quello che consente di
usufruire dei fondi derivanti dai Cip 6 per l’inceneritore di Acerra. Il
cerchio è chiuso. Le banche, con la Veolia e l’A2A, le aziende che sono
interessate alla gestione degli impianti già  si leccano i baffi.
La lobby inceneritorista e la classe politica ora può stare serena? Per
niente! La gente saprà  rispondere a questo affronto e non starà  certo a
guardare!
Questo decreto deve essere ritirato immediatamente!
Intanto nei giorni scorsi si è continuato a depositare a Giugliano, dove
la popolazione ha cercato di bloccare i camion e per la disperazione due
donne hanno tentato di darsi fuoco. La magistratura ha rinviato a
giudizio Bassolino, ma a quanto pare se ne discute solo in termini
elettorali.” (Attac.it)

 


^^^^^^^^^^^^^

 

 

200803070929_leoni_in_gabbia.jpg

 

DOMENICA 9 MARZO 2008
CORTEO NAZIONALE CONTRO LA COSTRUZIONE DELLO ZOO SAFARI DI RAVENNA
Appuntamento ore 14.30 nel parcheggio delle corriere dietro la stazione
ferroviaria.

Invitiamo tutte le persone contrarie alla realizzazione del parco
faunistico “Le Dune del Delta” a unirsi al corteo che domenica 9 marzo
sfilerà  per le vie del centro di Ravenna.

Vogliamo che l’amministrazione comunale, la società  promotrice ALFA 3000
e qualunque altro ente o impresa collegata al progetto abbandonino questa
iniziativa imprenditoriale, celata dietro a fantasiosi scopi didattici e
scientifici.

Ci rassicurano dicendo che non si tratterà  di uno zoo ma di un centro di
salvaguardia della biodiversità .
Sciocchezze! Ognuna di queste strutture, anche le peggiori, dice di
esserlo.
Sostengono che ospiterà  solo animali bisognosi, trasferiti da altri
giardini zoologici o dai circhi.
Altre sciocchezze ! Lo zoo safari di Ravenna ospiterà  gli animali che ALFA
3000 sfrutta nelle sue attività : il safari park di Fasano, lo zoo di
Fiabilandia e il Circo Medrano. Tutto sarà  a tornaconto di questa
società : è risaputo che questi luoghi si scambiano fra loro gli
esemplari, per potenziare l’attrattiva turistica ed incentivare
l’addestramento nei circhi che li utilizzano.
Non ci convincono neanche quando affermano che potranno essere ospitati
animali feriti o sequestrati, aspetto questo che infatti è obbligatorio
oggi per poter ricevere l’autorizzazione ministeriale necessaria
all’apertura; e a Ravenna ne confluiranno un numero esiguo rispetto a
quella che sembra essere l’ipotesi più probabile, la presenza di animali
comunissimi, ma spettacolari da esibire.

Ciò di cui siamo convinti è la nostra totale opposizione alla
realizzazione di quello che non sarà  altro che uno zoo safari.
Ovunque nel mondo questi luoghi costringono gli animali ad una vita
infernale, imprigionati in gabbia o in un piccolo mondo artificiale di
pochi metri quadrati solo per arricchire la lobby che ruota attorno a
questo business. Non c’è educazione nel far pagare un biglietto per
mostrare un animale prigioniero tra luna park, trenini e fuochi
d’artificio; e nemmeno un reale interesse alla salvaguardia della
biodiversità , che invece andrebbe promossa agendo contro tutte le cause
nocive che contribuiscono ovunque a distruggere gli habitat naturali, unico
e insostituibile luogo in cui ogni essere vivente dovrebbe poter vivere.

Finche’ non ci saranno piu’ gabbie.

Campagna Gli Zoo Bastardi


Leave a Reply

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>